GLI INTELLETTUALI NON ESISTONO, SONO UN’ INVENZIONE DEI POTERI - www.marioragagnin.net

 LA  RESPONSABILITA’  DELLE  ASSOCIAZIONI  DI   ÉLITE

 

Le associazioni culturali e di élite cercano di essere il cervello dell’umanità, oggi mancante.

 

Le associazioni di élite (Massoneria, Rotary, Lions eccetera) rivelano quello che gli intellettuali cercano inconsciamente di essere: il cervello dell'umanità.

 

Le associazioni di élite, e le culture in genere, cercano di rimediare alla unilateralità dispersiva degli specialisti accademici.

 

Le ramificazioni dei campi culturali, punto di arrivo della fase di espansione dell’universo umano, tendono a realizzarsi pienamente col riconvergere (tramite l’unione dei loro rappresentanti) alla matrice originaria unitaria; che rappresenta il completamento di ciascuna, anche ai suoi fini attuali.

 

Ogni campo è unilaterale e ha bisogno degli altri, complementari indispensabili per la realizzazione di sé stesso.

 

Le associazioni di élite ritengono di essere i cervelli dell'umanità.

 

E lo sarebbero se la cultura fosse quello che dovrebbe essere e si crede sia. Sarebbero gli embrioni del cervello che si va formando.

 

Ciò intanto dimostra che il cervello non c'è, e che l'umanità si regola con contrapposizioni di forza macroscopica, tentativi esteriori di riequilibrare le situazioni con l’ immobilizzarle.

 

Ma poi tali autopretesi cervelli non sono collegati all'organismo, all'umanità, loro corpo. Perciò non funzionano neppure da cervelli.

 

Tutte le associazioni culturali sono potenzialmente di élite; ma, per essere riconosciute come tali ed avere successo, devono ritrarsi dall’ambito circostante. La cultura è ciò che sorge in contrapposizione alla situazione esistente, sempre sbagliata e insufficiente. Dovrebbe poi ritornare alla realtà da cui è partita, a completarla e a riordinarla. Invece si ferma a metà strada, perché le nostre possibilità ci permettono di fare solo piccoli passi, che non corrispondono all'esigenza delle cose. E intanto ci si dimentica del perché si è partiti.

 

La teoria, per essere quello che intende anche solo dal suo punto di vista, deve essere applicabile alla pratica, alla realtà, alla vita. I “services” sono surrogati di ciò; perché fanno credere di essere la funzione che la cultura dovrebbe avere, di soluzione del mondo.

 

 Mario Ragagnin

 

Views: 34

Attachments:

Reply to This

Replies to This Discussion

Grazie, Signor Riccardo Gramegna,
dell'attenzione e della preziosa risposta.
Lei ha sintetizzato in un quadro meraviglioso
i comuni obiettivi nostri e di tante altre persone.
Sarebbe utile una collaborazione fra noi.
Piacere di avere fatto la sua conoscenza.
A risentirci.
Cordialmente,
Mario Ragagnin
www.marioragagnin.net

RSS

Latest Activity

Sandra Gutierrez Alvez updated their profile
Oct 1
DallasBoardley updated their profile
Feb 8
RADIOAPOLLON1242 AIGOKEROS PANOS updated their profile
Feb 2
Shefqet Avdush Emini updated their profile
Jul 2, 2021
Ralph Corbin updated their profile
Jun 25, 2021
Marques De Valia updated their profile
Mar 24, 2021
SSEAYP - South-East Asian Youth liked David Califa's discussion Flash Banners Here
Feb 29, 2020
SSEAYP - South-East Asian Youth updated their profile
Feb 29, 2020

© 2022   Created by David Califa. Managed by Eyal Raviv.   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service